Home > ATTUALITÁ > La Terapia del dolore, solo punta dell’iceberg?

La Terapia del dolore, solo punta dell’iceberg?

Monopoli 5 stelleLo stato dell’arte della Medicina Territoriale a Monopoli

La nota di Monopoli 5 Stelle

Le vicende degli ultimi giorni relative alla paventata perdita delle prestazioni di Terapia del Dolore presso il Poliambulatorio distrettuale di Monopoli, ha spinto l’associazione Monopoli 5 Stelle (Amici di Beppe Grillo) ad approfondire le tematiche relative alla Medicina Territoriale locale.

La Medicina Territoriale comprende tutte quelle prestazioni che la ASL opera sul territorio per mezzo del Distretto Socio Sanitario (Medicina di base, Pediatria di libera scelta, Guardia Medica, Specialistica Ambulatoriale, Farmacia territoriale, Assistenza protesica, ecc.).

Monopoli fa parte del Distretto Socio Sanitario (DSS) n. 12, insieme a Polignano a Mare e Conversano. Quest’ultima è anche la sede della Direzione del Distretto da quando, con Deliberazione della Giunta Regionale Pugliese n. 1161 dell’8.8.2002 (B.U.R. n. 104 suppl. del 9.8.2002) fu definito il riassetto territoriale dei Distretti Socio Sanitari nelle Aziende USL pugliesi.

Nello specifico il DSS1 dell’Azienda USL BA/5 venne articolato nei Comuni di Casamassima, Conversano, Monopoli e Polignano a Mare ed il Comune di Monopoli (già sede di direzione distrettuale del soppresso DSS2 dell’Azienda USL BA5, comprendente i Comuni di Monopoli e Polignano a Mare) perse la direzione distrettuale in favore del Comune di Conversano.

La giustificazione a tale modificazione di sede di direzione distrettuale fu individuata nella posizione geografica centrale che il Comune di Conversano aveva nell’ambito territoriale dei comuni costituenti il DSS1.

Successivamente, con Delibera del Direttore Generale dell’Azienda USL BA5 n. 740 del 31.7.2003, la composizione territoriale del DSS1 venne ulteriormente modificata accorpando il Comune di Casamassima al DSS2 di Gioia del Colle.

In virtù di tale disposizione il DSS1 veniva a comprendere i soli comuni di Conversano (sede di direzione), Monopoli e Polignano a Mare.

La succitata Delibera D.G. n. 740/03 riporta testualmente che “nella determinazione delle sedi distrettuali, si rende necessario che le sedi possano contestualmente assicurare una posizione baricentrica rispetto ai comuni dell’ambito territoriale per le esigenze degli utenti ed il migliore collocamento con la sede dell’Azienda per i necessari, frequenti contatti operativi del personale con la Direzione strategica aziendale”.

E’ chiaro che, dal momento in cui il Comune di Casamassima non ha fatto più parte del territorio del DSS1, la ”posizione baricentrica rispetto ai comuni dell’ambito territoriale” di cui sopra – vale a dire la centralità geografica di Conversano rispetto al territorio distrettuale, assunta come criterio di assegnazione della sede di direzione – veniva automaticamente a decadere.

All’epoca era opinione corrente che la scelta di Conversano come sede di Distretto fosse determinata anche dalla volontà di “compensare” in tal modo il ridimensionamento che l’Ospedale di Conversano avrebbe subito per la perdita di alcuni reparti ed il concomitante “rafforzamento” dell’Ospedale di Monopoli, così come stabilito dal Piano Regionale di Riordino della Rete Ospedaliera.

Il “migliore collocamento con la sede dell’Azienda per i necessari, frequenti contatti operativi del personale con la Direzione strategica aziendale” venne poi a cessare quando la sede dell’azienda (ex ASL BA5) – stante l’accorpamento delle ex Aziende ASL BA2, BA3, BA4 e BA5 nell’Azienda ASL BA sancito dal Regolamento Regionale n. 9/07 (BUR n. 52 del 6.4.2007) – non fu più il Comune di Putignano bensì il Comune di Bari (da Conversano certamente più distante e più difficile da raggiungere rispetto a Putignano).

Non ci sembra solo un caso che il trasferimento della Direzione di Distretto, abbia coinciso con la riduzione/perdita, nel corso degli ultimi 5-6 anni, di una serie di servizi sanitario/amministrativi erogati presso la sede distrettuale di Monopoli (Poliambulatorio/Uffici Amministrativi allocati al Presidio Ospedaliero “San Camillo”, meglio conosciuto come “Day Hospital”).

In tale arco di tempo si è verificata la chiusura dell’ambulatorio di Allergologia, di Ortopedia, di Ecografia e di Radiologia nonché la scomparsa delle attività di prelievo per esami di laboratorio presso le contrade S. Lucia ed Antonelli, così come la riduzione di 12 ore/settimana di Terapia del Dolore (a prescindere dalla notizia della paventata chiusura di questi ultimi giorni) e pare anche di alcune ore/settimana in altre branche specialistiche. Si tratta in buona parte dei casi di riduzione/perdite legate alla defezione dello specialista o imposte da esigenze di taglio della spesa pubblica, alle quali non sappiamo se la ASL intenda sopperire.

Al contrario il Poliambulatorio di Monopoli “guadagna” un ambulatorio di Chirurgia, di Fisiatria e Geriatria, con impegno orario di poche ore settimanali.

E’ chiaro che la riduzione dell’offerta specialistica determina, in loco, un allungamento delle liste di attesa e costringe il cittadino monopolitano, qualora necessiti quanto prima della prestazione ambulatoriale, a cercarla ed ottenerla altrove.

Necessariamente si è costretti alla “migrazione” allorché la prestazione ambulatoriale non sia per niente erogata a livello delle strutture territoriali locali del Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Si pensi ad esempio alla circostanza molto frequente per cui, cessata l’attività di Radiologia presso il Poliambulatorio del “San Camillo”, non essendo prestata tale attività per gli “esterni” presso l’Ospedale di Monopoli, il cittadino è costretto a recarsi in altri comuni per le indagini di radiodiagnostica.

L’Ufficio Protesica ed il suo dirigente medico, che prima era a disposizione dei cittadini 5 giorni su 5 presso il P.O. “San Camillo”, è stato di fatto trasferito (con tutto l’archivio) presso la sede distrettuale di Conversano, dove il dirigente medico opera 3 giorni su 5 mentre nei restanti 2 giorni opera su Monopoli.

Dei tre Comuni distrettuali, Conversano conta una popolazione assistita dal SSN (poco meno di 26.000 abitanti) di gran lunga inferiore rispetto a Monopoli (circa 50.000), mentre Polignano a Mare conta circa 17.700 abitanti. I comuni di Conversano e Polignano a Mare assieme, quindi, a mala pena raggiungono il totale della popolazione di Monopoli.

La circostanza che sia sede della Direzione Distrettuale apporta innegabili vantaggi al comune di Conversano.

A prescindere dal fatto che la microeconomia locale ne risulta beneficiata (ad esempio, chi si reca a Conversano per faccende relative alle attività e/o servizi distrettuali ivi erogati è molto probabile che in loco, volente o nolente, vada incontro a spese che finiscono nelle casse dei cittadini conversanesi: l’euro di parcheggio, la bottiglia d’acqua al distributore, carburante, ecc.), i fatti dimostrano come la maggior parte dei servizi distrettuali siano erogati in favore del comune di Conversano.

Si guardi, infatti, la nuova dotazione strumentale e tecnologica acquistata o in fase di acquisizione per il presidio territoriale di Conversano – qualificato come Poliambulatorio di III livello – e le branche specialistiche ivi erogate o prossime ad esserlo (vedi Delibera Direttore Generale ASL BA n. 22 del 9.1.2013). Si potrà notare come non solo vengono assicurate un elevato numero di branche specialistiche (Urologia, Reumatologia, Allergologia, Radiologia, Ecografia Oncologica, Chirurgia Vascolare, Pneumologia, Odontoiatria, Anestesiologia, Andrologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana (PMA), Centro Dialisi, Day Service per Ipertensione, ivi rappresentate non sono invece presenti presso il Poliambulatorio di Monopoli), ma come all’interno di alcune di queste branche vengono o stanno per essere assicurate prestazioni complesse (ad esempio chirurgia minore otorinolaringoiatrica, ortopedica, vascolare e urologica, supportata da una sala operatoria attrezzata, nonché di servizi di Anestesia e Rianimazione). Ciò perché la conversione del P.O. “F. Jaia” da “Ospedale” a “Poliambulatorio di III livello”, come da Delibera ASL BA n. 22/13 di cui sopra, ha fatto sì che gli specialisti dipendenti ospedalieri ivi operanti attualmente eroghino le loro prestazioni in regime ambulatoriale e/o di Day Service.

Per quelle branche specialistiche presenti anche a livello del Poliambulatorio distrettuale di Monopoli si effettua, invece, un’attività specialistica definibile come “di base”, vale a dire fondata sulla semplice visita ed eventualmente su indagini strumentali o piccoli interventi a portata dello specialista (anche in ragione della dotazione strumentale esistente), senza le possibilità diagnostiche e terapeutiche offerte dal Poliambulatorio di III livello di Conversano.

Indubbiamente la creazione del Poliambulatorio di III livello a Conversano è l’esempio di un buon utilizzo delle risorse pubbliche.

Oltre che alle capacità della Direzione Distrettuale, riteniamo che ciò sia dovuto, verosimilmente, alla tenacia ed alla lungimiranza degli amministratori del Comune di Conversano, di cui è prova sempre la già citata Delibera ASL BA n. 22/13, in cui – al punto l) del protocollo d’intesa tra Regione Puglia/ASL BA/Comune di Conversano – il Sindaco di Conversano ottiene l’impegno scritto dai massimi esponenti della Regione e della ASL BA a far sì, non solo che Conversano resti Direzione di Distretto nell’ipotesi di un futuro riassetto dei territori distrettuali, ma anche nella realizzazione di una nuova sede logistica della Direzione Distrettuale (ed invero non se ne comprende l’utilità quando già si dispone dell’ex ospedale quale sede di distretto!).

 

944 Visite totali, 2 visite odierne

Redazione The Monopoli Times
"The Monopoli Times, la nuova frontiera dell'informazione" - www.monopolitimes.com Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Bari R.G. 4349/2014 Reg. Stampa 33
http://www.monopolitimes.com