Stadio: che fine ha fatto il finanziamento?

DSCN0201Ancora nessuna novità, ma il Comune di Monopoli avrebbe pochissime chance di ottenerlo

In questi ultimi mesi, in città, si sono costituite diverse associazioni e comitati cittadini. Opinione comune che giustifica tale fenomeno è la sfiducia dei monopolitani nella politica.

Realmente spinto a costituirsi a causa di questo risentimento nei confronti della classe politica è il Comitato cittadino di tutela dello Stadio Comunale “Vito Simone Veneziani”.

Notizia di ieri (29 ottobre 2013), la volontà dell’Amministrazione Comunale di proporre con Delibera di Giunta del 28 ottobre scorso l’estinzione di mutui per reperire i 350 mila euro necessari per l’adeguamento alle norme del “Veneziani”.

Ma facciamo un passo indietro: nei giorni in cui il Comitato aveva deciso di costituirsi (agosto 2013, a seguito della protesta della società biancoverde dell’SS Monospolis che in occasione dell’amichevole con il Mola al “Vito Simone Veneziani” decise di giocarla a porte chiuse dopo che la Questura vietò la trasferta ai tifosi ospiti), il 18 agosto scorso durante la protesta in Piazza Vittorio Emanuele II, l’Assessore ai Lavori Pubblici Angelo Annese, ascoltando le istanze dei tifosi, annunciò la partecipazione del Comune di Monopoli ad un bando (Fondo per lo sviluppo e la capillare diffusione della pratica sportiva) «per ottenere un finanziamento di 340 mila euro che servirebbero per la recinzione, che le casse comunali non potrebbero sostenere perché non è stato approvato il bilancio, ma se anche fosse avvenuto, sarebbe denaro da togliere alla manutenzione degli istituti scolastici ed a quella stradale»; perciò, l’unica speranza di ristrutturare lo Stadio perché le casse comunali non avrebbero potuto (difatti, si provvederà all’estinzione di mutui).

Tuttavia, all’ora c’erano buone possibilità che Monopoli sarebbe riuscita ad ottenere le somme sperate, mentre oggi del bando non si parla più (perchè?! Ora ve lo spiegheremo).

Ricostruiamo insieme la vicenda.

Era il 21 maggio scorso (prima delle scorse Elezioni Politiche) quando con Delibera di Giunta n. 101 la Giunta Comunale deliberò la partecipazione del Comune di Monopoli al “Finanziamento in conto capitale di progetti per la realizzazione di nuovi impianti sportivi” con la candidatura del progetto di “Adeguamento a norma Stadio Comunale Vito Simone Veneziani”, impegnandosi a cofinanziare con fondi propri il progetto per 60 mila euro (nel caso di ammissione a finanziamento ministeriale dello stesso); questo perché il massimo finanziamento attribuibile a ciascun progetto, ammesso alla ripartizione, sino alla concorrenza massima dell’importo di 18 milioni di euro era: per importi compresi tra euro 100 mila ed euro 600 mila (il nostro caso) non avrebbe potuto superare la somma di euro 100 mila più il 76% della quota eccedente euro 100 mila (ergo, se si riuscisse ad ottenere, sarebbe di 290 mila euro).

«Il Nucleo di valutazione, entro novanta giorni dalla data di scadenza del termine (8/09/2013) per la presentazione delle domande di accesso alla ripartizione – ci spiega un membro del Comitato cittadino di tutela dello Stadio Comunale “Vito Simone Veneziani” – avrebbe dovuto elaborare la graduatoria di merito, ma come dimostrato dalle comunicazioni pubblicate dal P.C.M. DARTS – Ufficio per lo Sport – Fondo per lo sviluppo capillare diffusione della pratica sportiva, per via dell’ingente quantità di istanze pervenute, sono ancora in corso di espletamento le procedure propedeutiche all’elaborazione della graduatoria di merito dei progetti».

Ergo, proprio a causa delle numerose istanze presentate ed ai criteri ed alle specifiche di valutazione cui dovrà essere sottoposto ciascun progetto cui sarà attribuito un punteggio totale per la graduatoria, il Comune di Monopoli avrebbe pochissime chance di ottenere il finanziamento.

1,034 Visite totali, 2 visite odierne

Redazione The Monopoli Times

http://www.monopolitimes.com

"The Monopoli Times, la nuova frontiera dell'informazione" - www.monopolitimes.com Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Bari R.G. 4349/2014 Reg. Stampa 33