Aggredirono un Ufficiale. Arrestati

aggressione“Siete voi uomini dello Stato che ci obbligate a rubare…”, si difesero

        FRATEPIETRO Carmine
Fratepietro Carmine

L’episodio risale allo scorso 9 settembre, quando un Capitano dei Bersaglieri in servizio ad Altamura, da poco rientrato a casa a Trani per la cena, si era accorto che due malviventi avevano infranto il finestrino della propria vettura, un’Alfa Romeo Giulietta, nell’intento di rubarla. L’Ufficiale si era precipitato in strada ancora in uniforme e aveva affrontato i malviventi che, tutt’altro che spaventati, lo avevano aggredito a colpi di cric, facendo anche della filosofia spicciola sulle motivazioni del loro gesto “… Siete voi uomini dello Stato che ci obbligate a rubare…”. Cosa intendessero lo sanno solo loro, fatto sta che la coraggiosa e determinata reazione del Capitano, li costringeva alla fuga a bordo di un auto con targa rubata.

         DI BISCEGLIE Vincenzo
Di Bisceglie Vincenzo

Grazie alla precisa ricostruzione fornita dalla vittima i Carabinieri della Compagnia di Trani sono riusciti ad individuare i due malfattori: si tratta di due pregiudicati andriesi, il 42enne Di Bisceglie Vincenzo e il 35enne Fratepietro Carmine. Subito la richiesta di custodia cautelare da parte della Procura della Repubblica di Trani, rapidamente accolta dal Giudice per le Indagini Preliminari che non ha mancato di sottolineare la particolare personalità dei due criminali e la loro singolare visione dei rapporti umani, basati su una surreale costrizione a delinquere, secondo loro determinata dallo Stato. Entrambi sono stati rinchiusi nel carcere di Trani e dovranno rispondere dei reati di tentata rapina impropria in concorso, lesioni personali, ricettazione e porto abusivo di arma impropria.

966 Visite totali, 2 visite odierne