Home > ATTUALITÁ > Soppressione servizio di Terapia del Dolore a Monopoli

Soppressione servizio di Terapia del Dolore a Monopoli

DSCN1740Lunedì 4 novembre alle ore 19,00 nei locali del Comitato Festa Patria in largo Vescovadoavrà luogo una conferenza stampa per illustrare meglio i contenuti dell’allegato documento e presentare le forme di protesta programmate

Gent.mi Signori,

 

con grande disappunto apprendiamo che il Servizio di Terapia del Dolore, in attività da anni presso il “S. Camillo” di Monopoli con ottimi risultati pure testimoniati dai numerosi pazienti serviti, dal 1° gennaio 2014 sarà soppresso,

Ma la cosa che più ci indigna è che contestualmente lo stesso servizio sarà attivato nel Comune di Conversano!!

 

Siamo di fronte ad una ulteriore dimostrazione di come le scelte siano dettate più da obblighi politico-sindacale che da esigenze socio-sanitarie.

Infatti si riamane perplessi di fronte ad una tale iniziativa che di fatto interrompe anche un naturale e propedeutico rapporto di continuità e contiguità funzionale con il nostro Hospice Oncologico.

La soppressione di tale servizio a Monopoli e la sua collocazione presso gli ambulatori distrettuali di Conversano, lontano da qualunque integrazione funzionale con strutture operative (vedi U.O. di Anestesia e Rianimazione), rimarca ancora una volta una illogica gestione dei servizi sanitari del territorio che non crea un’offerta di cura armonica, compatibile e fruibile perché fortemente condizionata da veti e consorterie di vario genere.

 

Noi non consentiremo questo scippo!!

 

Si sappia che ricorreremo a tutti i mezzi perché questa squallida operazione non vada in porto!!

Sarebbe un’ennesima beffa per la sanità cittadina!

Già da tempo e in numerose occasioni (documenti, incontri con i diversi Responsabili Sanitari,pubbliche manifestazioni,ecc.) abbiamo  lamentato come non solo la Medicina Territoriale soffre gravi carenze: ambulatori soppressi(es. radiologia,ecografia, cardiologia,ortopedia, ecc); A.D.I. mai decollata, ecc oltre ad altri servizi promessi ma mai attivati,.il che costringe i nostri concittadini a recarsi presso altri Centri, ma anche la nostra Medicina Ospedaliera che serve un vasto territorio nel sud-est barese è gravemente condizionata da scelte irrazionali come la trasformazione di alcune UU.OO. da strutture complesse a strutture semplici (citiamo il caso emblematico del Pronto Soccorso che pur servendo un territorio più vasto in conseguenza della soppressione dell’ ospedale di Conversano, è stato privato del Primario).

Ma si lamenta anche la mancata sostituzione presso le nostre strutture complesse di numerosi primari collocati a riposo o trasferiti in altri ospedali, come anche la grave carenza di personale medico e paramedico in tutte le UU.OO. che pure si sono viste aumentato il carico di lavoro per la soppressione/ridimensionamento di ospedali viciniori.

E’ stata anche più volte segnalata la carenza di adeguata strumentazione: ad esempio la Risonanza Magnetica da tempo promessa ma non ancora disponibile: l’emodinamica negata a Monopoli dove sarebbe stata molto utile alla nostra Cardiologia, è stata autorizzata presso una struttura privata a Conversano a discapito della nostra struttura pubblica!

 

Ma potremmo continuare!

 

Tutto ciò sta portando ad uno svuotamento/ridimensionamento del nostro ospedale con gravi conseguenze per l’utenza.

Eppure a Monopoli il Piano Sanitario Regionale ha riconosciuto il ruolo di ospedale di livello intermedio ma non gli si consente di poter svolgere il ruolo affidatogli.

Non è da sottacere,inoltre, lo stato di disagio dei nostri Operatori Sanitari che non vengono messi in condizione di operare al meglio.

 

 

Ma adesso basta!!

 

Questo Comitato, pertanto, stigmatizza i comportamenti omissivi di chi avrebbe dovuto provvedere per evitare tali carenze e non esclude, con azioni forti di protesta, la richiesta di dimissioni dei responsabili di tale sfascio!

Per tutte le suesposte motivazioni questo Comitato nella riunione dl 28 ottobre u.s. ha deliberato di manifestare con forza il proprio disappunto ricorrendo ad ogni mezzo per ottenere la garanzia di adeguati livelli di assistenza per i nostri concittadini e l’intero territorio di competenza.

Invita ancora una volta le Forze Amministrative e politiche,. le Organizzazioni Professionali Mediche e Paramediche; le Forze Sindacali, le Associazioni e tutti i Cittadini a “fare quadrato” perché finalmente a Monopoli venga riconosciuto il dovuto ruolo in materia di assistenza sanitaria.

 

Preannuncia che sono in via di definizione forme di protesta incisive che saranno portate a conoscenza nei prossimi giorni.

 

Con osservanza

 

                                                                                                          Il Coordinatore

                                                                                              (Prof. Angelo Giangrande)

814 Visite totali, 2 visite odierne

Redazione The Monopoli Times
"The Monopoli Times, la nuova frontiera dell'informazione" - www.monopolitimes.com Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Bari R.G. 4349/2014 Reg. Stampa 33
http://www.monopolitimes.com