Alla scoperta di Monopoli

Liceo - Monopoli e chiese sepolcreti - 2013 116La IV B del Liceo Scientifico alla scoperta delle antiche chiese parrocchiali e conventuali

  

   Il Polo Liceale alla scoperta di Monopoli ed esattamente alle Chiese di Sant’Angelo, di San Giuseppe e Anna e di San Salvatore. A compiere questo viaggio tra queste antiche chiese parrocchiali e conventuali del centro storico, la classe IV B del Liceo Scientifico di Monopoli, accompagnata dal Dirigente Scolastico Martino Cazzorla e docente di Disegno e Storia dell’Arte, Cinzia Palazzo, con la collaborazione e disponibilità del Direttore dell’Archivio Unico Diocesano, don Vito Castiglione Minischetti.

Visita guidata e non solo perché la conoscenza delle chiese di Sant’Angelo in Burgo, di San Giuseppe e Sant’ Anna e di San Salvatore ha costituito, per la classe in questione, l’introduzione al progetto “Scopriamo la Città”, per lo studio, la ricerca e la fruizione del patrimonio storico artistico.

  Partendo da piazza Vittorio Emanuele,  il gruppo si è recato presso la chiesa di Sant’Angelo, dove don Vito Castiglione Minischetti ha introdotto gli studenti alla storia e all’architettura dell’antica chiesa parrocchiale. La struttura, fino ad allora sconosciuta ai ragazzi, ha destato reazioni molto positive. Nella chiesa, che oggi ospita l’UNITALSI, il Presidente Michele Formica ha presentato le finalità dell’associazione e l’opera dei volontari per la crescita umana e l’azione di disponibilità verso gli ammalati ed i disabili.

   In seguito, la classe si è avviata verso la Chiesa di San Giuseppe e Sant’Anna, adiacente a Sant’Angelo in Burgo, dove, all’illustrazione storica e architettonica, è seguita la visita di alcuni ragazzi al sepolcreto. Questa visita ha incuriosito gli studenti in modo particolare, trattandosi di un luogo normalmente non accessibile al pubblico e che ha mostrato i piani di scolatoio dove venivano collocati i defunti.

   Ultime tappe della visita sono state la chiesa di San Salvatore e l’Archivio Diocesano. Anche questa fase, come le precedenti, ha dato ai ragazzi la possibilità di accostarsi e scoprire alcuni luoghi del patrimonio culturale della città, inducendoli a riflettere non solo sull’importanza del recupero dei beni culturali, ma anche sul lavoro e l’impegno dei volontari, in particolare per la chiesa di San Salvatore.

   Per quanto riguarda l’Archivio Diocesano, l’aspetto che più ha incuriosito gli studenti è stata la possibilità di vedere e toccare con mano pergamene e documenti antichi, risalenti anche al lontano XI secolo e accuratamente presentati dal Direttore don Vito Castiglione Minischetti.

 La modalità didattica utilizzata durante la visita guidata ha permesso ai ragazzi di scoprire il proprio territorio in modo alternativo, dando loro la possibilità non solo di vedere, ma anche di toccare con mano la storia della propria città. Un buon inizio per sensibilizzare i nostri giovani alla tutela del patrimonio artistico e culturale, dove la conoscenza del passato serve non solo a considerare la “storia locale” parte integrante della grande storia, ma anche elemento fondamentale per la costruzione della propria identità.

Le foto: http://www.flickr.com/photos/103043165@N07/sets/72157637041505333/

971 Visite totali, 2 visite odierne